LAVANDA

Periodo raccolta: Giugno, Luglio e Agosto
Disponibilità prodotto essiccato: fino ad esaurimento

lavanda

PROPRIETÀ DELLA LAVANDA

La lavanda è una pianta erbacea aromatica, che produce fiori dal tipico colore compreso tra l'azzurro ed il lilla, da cui prende il proprio nome. È ricca di proprietà benefiche e può essere utilizzata per la cura della persona e della bellezza. La lavanda ha proprietà antinfiammatorie, antisettiche, antibatteriche e antifungine, antidepressive, sedative, antispasmodiche e analgesiche. Trova impiego nel trattamento di irritabilità e nevrastenie, delle affezioni a carico dell'apparato respiratorio (asma, bronchiti, laringiti), di emicrania, dissenteria, malattie infettive. La lavanda è uno dei migliori rimedi per il trattamento di piaghe e scottature, ma può essere utilizzato anche in caso di dermatosi, alopecia ed eczemi.


INFUSO DI FIORI DI LAVANDA

L'infuso di lavanda può essere assunto come bevanda dalle marcate proprietà calmanti e rilassanti. In questo caso i fiori secchi di lavanda possono essere abbinati a melissa, tiglio e camomilla, per ottenere un infuso dal sapore gradevole. L'infuso preparato con sola lavanda presenta spiccate proprietà diuretiche. Per ottenere gli effetti desiderati, utilizzare un cucchiaino di fiori secchi di lavanda ogni tazza da 250 ml di acqua bollente, da consumare tre volte al giorno.
Nel periodo estivo possiamo preparare un’ottima limonata aromatizzata alla lavanda: 5 tazze d’acqua, 2 cucchiai di fiori di lavanda, 1 tazza di succo di limone, 1 tazza di zucchero. Fate bollire a fuoco lento metà dell’acqua, aggiungete la tazza di zucchero in modo che si sciolga completamente e ad ebollizione spegnete il fuoco. Aggiungete i fiori di lavanda, coprite e lasciate in infusione per un’ora. Filtrate l’infuso, aggiungete i succo di limone e l’acqua restante e mescolate. Servite fredda con ghiaccio.


lavanda
lavanda
lavanda

ACQUA FLOREALE DI LAVANDA, per uso esterno

In aromaterapia la lavanda viene utilizzata per profumare e rinfrescare gli ambienti della casa, ma anche in caso di insonnia. È possibile vaporizzare dell'acqua floreale alla lavanda nella propria stanza o sul cuscino, prima di andare a dormire. L'acqua floreale di lavanda e l'olio essenziale di lavanda vengono spesso consigliati in caso di dolori reumatici. Essi devono essere utilizzati per effettuare delicati massaggi sulle aree maggiormente interessate dal fenomeno. L'efficacia degli estratti di lavanda sui dolori reumatici è legata alle sue proprietà antireumatiche e antinfiammatorie.


SPIRITO DI LAVANDA, per uso esterno

Lo Spirito di Lavanda è una tintura e può essere preparata lasciando macerare 20 grammi di fiori di lavanda in 100ml di alcool a 30°. Dopo 8 giorni di macerazione, filtrare. Lo spirito di Lavanda, per uso esterno, viene utilizzato per frizioni contro i reumatismi, ma anche per lavare piaghe infette e curare l'acne.


OLEOLITO ALLA LAVANDA, per uso esterno

Con 200 grammi di fiori di lavanda essiccati e 1 litro di olio extravergine d'oliva o di semi di girasole, 3 ml Vit. E (alfa-tocoferolo) per garantire una migliore conservazione, potrete preparare l'oleolito di lavanda. Si uniscono gli ingredienti in un contenitore capiente e si lascia macerare in un luogo asciutto e buio per 20-28 giorni. Si mescola ogni giorno e trascorso il tempo di macerazione si filtra l'oleolito e si conserva in un contenitore di vetro scuro.


lavanda
lavanda
lavanda

INCANTESIMI

La lavanda era indicata per gli incantesimi legati alla salute, all'equilibrio ed al buon senso, in quanto allontana le vibrazioni responsabili di nervosismo, dolori muscolari e contratture. Prima di effettuare qualsiasi incantesimo, era usuale profumare l'ambiente con acqua di lavanda per purificarlo. Utilizzare la lavanda nel bagno, come sacchetto profumato per trovare l'innamorato o sotto forma di tintura. Sparsa per casa, la lavanda procura una vita familiare armoniosa.


CURIOSITÀ

La lavanda ha una storia che affonda le sue origini in un passato lontanissimo, la scoperta del suo luogo di origine rimane un mistero. Sembra che la lavanda provenisse dall’Arabia o dal Nord Africa. Pare che il suo nome derivi dall'utilizzo che se ne faceva per detergere il corpo, che la vedeva in particolare impiegata per profumare l'acqua in cui gli Antichi Romani si immergevano per il bagno. I documenti dell'epoca testimoniano come la lavanda venisse impiegata per la realizzazione di un medicinale adatto a combattere nausea, singhiozzo e dolori intestinali. Nel 1928 Il chimico francese, Renè Maurice Gattefossé, che contribuì alla rinascita dell'interesse dell’uso degli oli essenziali a scopo terapeutico, notò a proprie spese che l'olio essenziale di lavanda aveva notevole capacità di fare guarire le ferite da ustioni. Infatti, mentre stava lavorando a dei profumi si bruciò accidentalmente un braccio e per reazione lo infilò nel liquido a lui più vicino. Il caso volle che quel liquido fosse proprio olio essenziale di lavanda che lo fece guarire dall’ustione in brevissimo tempo.


CONTROINDICAZIONI

È sconsigliato l’uso in caso di intolleranza a uno o più composti presenti nella pianta.


ricette dolci

Torta all'arancia
aromatizzata alla lavanda

lavanda

Ingredienti: 250g di farina tipo 2, 1 bustina di lievito, 125 grammi di zucchero, 1½ cucchiaio di fiori di lavanda, 3 uova, 200g di yogurt fresco, 50g di burro fuso, 50ml di olio di girasole, buccia grattugiata di 1 arancia.

i nostri prodotti

Iperico
(Hypericum perforatum)

iperico

L'iperico (Hypericum perforatum) è una pianta della famiglia delle Hypericaceae. Tra le proprietà più note dell’iperico c’è la sua capacità di combattere gli stati depressivi e ansiosi. Nota anche come l’erba di San Giovanni...